4.9.07

IL MARE

Eh, sì.. è proprio una di quelle serate no. Quando il malessere, la stanchezza e altri fattori non indifferenti ti tolgono le energie e la forza per reagire. Meglio correre ai ripari con una buona dose di sonno e di riposo... Ci mancano i 4 piercing freschi che nn permettono di rigirarsi nel letto da ambo le parti: nelle notti agitate è un incubo!!!

Cosa mi ci vorrebbe ora? Una carezza, una bbraccio del mio amante... il mare... mi torna la serenità quando sono immersa nel verdeacqua del mare... Edo lo defniva così.. il mio amante e il suo più grande rivale in amore. Proprio ciò che mi ci vorrebbe ora.

Il Mare. Il mare incanta, il mare uccide, commuove, spaventa, fa ridere,
alle volte sparisce, costruisce tempeste, non dà risposte, è saggio, dolce,
è potente, è imprevedibile.

Ma soprattutto il mare chiama.

Non smette mai, puoi anche far finta di niente, ma non serve.
Continuerà a chiamarti.
Questo mare che vedi e tutti gli altri che non vedrai,
ma che ci saranno,
instancabilmente li sentirai chiamare.
Senza spiegarti dove, senza dirti dove,
ci sarà sempre un mare che ti chiamerà.

Il mare
confonde le onde
i pensieri
i velieri
e la mente ti mente improvvisamente
e le strade che c'erano ieri
non sono più niente.

da "Oceano Mare", Alessandro Baricco

Photo Sharing and Video Hosting at Photobucket

Ringrazio Pule x la magnifica foto... vorrei che la mia anima ora fosse lì.

2 commenti:

Rabè ha detto...

Capisco cosa provi per il mare.
Solo che sono le cime, innevate o no, delle montagne e i boschi di conifere ai loro piedi a darmi serenità e tranquillità.

Sono contenta che tu sia tornata a Milano, non vedo l'ora di fare una seratina sibilante.

Dama Arwen ha detto...

Ciao Chiara!
Sono contenta anche io di rivedervi, ora che sono tornata a Milano.
^_^