12.10.09

59982

Da un giornale del 1927: «Nel 1873, il giovane compositore americano Hart Pease Danks, sposatosi di fresco, musicò in onore di sua moglie la romanza "Fili d'argento tra l'oro" (Silver Threads Among the Gold), che è uno fra i più bei canti di tenerezza e di amore coniugale della musica statunitense. Egli si augurava di invecchiare presso la compagna dei suoi giorni, dopo averle risparmiato con i propri guadagni le durezze della vita. La romanza ebbe un successo fulmineo, che dura ancora oggi. Ma la fama fece quello che la povertà non aveva potuto fare. La discordia entrò nella casa dei coniugi Danks, che infine si separarono. Nel 1903 il musicista moriva in una pensione di Filadelfia, lasciando queste poche amare parole: ‹È duro invecchiare e morire solo›. La signora Danks si spense a sua volta poco tempo fa, nella miseria più nera. Poiché il compositore aveva venduto i diritti sulla celebre romanza, da tempo né lui né la moglie potevano più incassarne i proventi.»

Darling, I am growing old,
Silver threads among the gold,
Shine upon my brow today,
Life is fading fast away.
But, my darling, you will be, will be
Always young and fair to me,
Yes, my darling, you will be
Always young and fair to me.
Chorus:
Darling, I am growing old,
Silver threads among the gold,
Shine upon my brow today;
Life is fading fast away.
When your hair is silver white,
And your cheeks no longer bright,
With the roses of the May,
I will kiss your lips and say,
Oh! My darling, mine alone, alone,
You have never older grown!
Yes, my darling, mine alone,
You have never older grown!
chorus
Love can never more grow old,
Locks may lose their brown and gold;
Cheeks may fade and hollow grow,
But the hearts that love will know,
Never, never winter’s frost and chill;
Summer warmth is in them still;
Never winter’s frost and chill,
Summer warmth is in them still.
chorus

2 commenti:

Claudio Cordella ha detto...

Storia bella e commovente! Mi ha fatto pensare alle storie romantiche (introvabili!)di Cordwainer Smith! Con la differenza ovviamente che questa è storia vera!

Dama Arwen ha detto...

Grazie per essere passato!