8.12.09

IL PRESEPE PERDUTO

Oggi ho avuto (l'ennesima) conferma che i miei genitori non hanno MAI capito UN CAZZO di me, di quello di cui mi importa, di quello di cui non me ne frega niente.
Mio padre ha buttato via il nostro vecchio presepe, che aveva costruito lui appositamente per me, quando ero alle elementari. Adoravo quel presepe. Quando a scuola dovevamo disegnare sui quaderni la natività io ripoducevo esattamente il presepe che aveva costruito mio papà. Era l'ultimo ricordo che mi fosse rimasto di tutte le cosine che preparavo a casa a Natale, quando acora adoravo il Natale.
Se qualche mio amico veniva a casa mia rimaneva sempre estasiato da quel presepe. E io tutta orgogliosa gli dicevo che lo aveva costruito mio papà. A casa degli altri c'erano sempre delle schifezze immonde che rappresentassero la natività.
L'albero lo avevamo sostituito, giustamente, perché oramai si erano staccati moltissimi rami e perdeva troppi aghi finti: era davvero inutilizzabile.
Qualche anno fa mio papà ha comprato un presepe nuovo: a lui piaceva molto. Non è brutto, anzi, ma a me non ha mai detto niente perché non lo aveva costruito lui.
Sarà che io e lui abbiamo sempre avuto la passione per queste cose: siamo sempre andati a vedere la mostra dei presepi in centro durante le vacanze di Natale: la passione per il costruire le casette, coi mattoni, gli interni delle case con le mensoline, i mobili e le stoviglie di rame e ceramica; la meccanizzazione i fuochi accesi e l'acqua che scorre. È sempre stata una passione legata all'abilità artistica che richiede la costruzione di una cosa del genere.
E adesso che sto nella mia casetta sarebbe stato carino portarmi dietro quel presepe e tutti i suoi ricordi, avere qui quello che aveva costruito mio papà per me tanti anni fa.
Ora non ho nemmeno una foto di quel presepe. Sono in lacrime da quando mio papà me lo ha detto, al telefono e gli ho urlato dietro.
Ho capito che devo smettere di essere una fottuta e stupida feticista. Me lo ricostruirò da me, a costo di segarmi le mani x tagliare e sagomare il legno. Devo eliminare tutti i ricordi legate alle cose, agli eventi e alle persone, così non dovrò più piangere come una bambina stupida.

11 commenti:

fab ha detto...

la penso come te fra, e sentirtelo dire mi solleva parecchio.

É assurdo che i genitori a volte non capiscano quanto importanti siano delle cose, che hanno segnato delle fasi importanti della nostra vita. E sono daccordo con te, i ricordi sono tuoi e nessuno può portarteli via

SoldierBlue ha detto...

Che peccato... se vuoi ti aiuto con gli accessori! Shmi

Kitchan ha detto...

Come Shmi, se vuoi una mano ti aiuto volentieri.

DAMA ARWEN ha detto...

Grazie Shmi e Rabé ^_^ :-*

Marymiao ha detto...

I ricordi non sono negli oggetti ma nella mente, ma da feticista incallita ti capisco, ed è triste, ma non sono solo i genitori a non rendersi conto delle cose importanti, ognuno di noi dà valore diverso alle cose, quando troviamo qualcuno che dà valore alle nostre stesse cose allora abbiamo trovato un anima affine... cosa c'entra?! boh ma mi andava di scrivertelo. Ti porto un pezzo da Napoli per il presepe, sai com'è XD
Miaoo

Stefano ha detto...

Ipse Dixit:
"Le cose che possiedi alla fine ti possiedono. (Tyler)"
"È solo dopo aver perso tutto che siamo liberi di fare qualsiasi cosa. (Tyler)" cit. Fight Club

A me queste frasi sono state utili a suo tempo... spero lo siano anche a te. Ah si la mia giunta personale è: "Fottitene, tieni lo sguardo alto e la guardia pronta perchè la vita è una serie di prove una dopo l'altra"

Il solito ruvido Abbraccio Kong ;-)
Stefano

giardigno65 ha detto...

quante cose i miei hanno buttato senza dirmelo ...

Si abbracciarono così stretti che non
rimase spazio per i sentimenti.
Stanislav Lec

Claudio Cordella ha detto...

Ciao,
come al solito arrivo in ritardo!
Mi dispiace per il tuo presepe! Davvero! :-(
Sono pezzi del nostro passato, della nostra memoria... se un oggetto rappresenta qualcosa per noi è giusto che noi vogliamo custodirlo, proteggerlo, tenerlo con cura... altro che gettarlo via!
Quindi ti capisco... pure io, anche se non come una volta, sono un pò feticista... pensa che ho alla parete un poster di quando avevo 16 anni!
Comunque se tu stessa vuoi iniziare una nuova tradizione sono con te... suggerimenti e foto che ti ispirino per un nuovo presepe (un'amica di famiglia è esperta, ne costruisce ogni anno uno grande quanto mezza stanza), oggetti per completarlo, etc... considerami a tua disposizione! ^_^

alessandraclerico ha detto...

Che peccato! Immagino come ti senti, io sto conservando da anni dei miei vecchi giocattoli per mia nipote o chissà per i miei figli, i miei lo sanno. Quest'anno ho trovato tutto in disordine e qualcosa, se non sparito, rovinato. Questo perchè hanno permesso al figlio dei miei vicini (con la casa strapiena di giocattoli) non solo di giocarci (che mi sarebbe pure stato bene) ma di rovinarli e di prendersi qualcosa. Ora ho nascosto tutto. :(

Simone ha detto...

Chiedi al tuo papà di farti un pezzetto del presepe nuovo, o magari di darti una mano col tuo. Alla fine ti affezionerai anche a quello, spero.

Simone

Gloutchov ha detto...

I miei non hanno mai buttato via nulla. Mi basta andare a scavare dentro scatoloni enormi nascosti in cantina per scoprire i più intimi ricordi del passato.

Coraggio. Forse quel presepe non c'è più ma il suo ricordo non te lo potrà mai togliere nessuno. ^_^