21.11.13

FUNERALE ANAGRAFICO


Vi ricordate il FANTSTICO censimento di due anni fa?
Ebbene, io non sono rientrata nel censimento… quando mio papà lo ha compilato non mi ha inserita nel nucleo familiare abitativo, perché da 3 anni oramai me ne vivevo per i fatti miei… però io non ho spostato la residenza da casa dei miei e dove vivo ora è solo il mio domicilio.
Ovviamente a me nn arrivò alcun plico da compilare… così scrissi subito all'indirizzo mail preposto per avere informazioni e spiegai l'accaduto.

Mi risposero (ho ancora la mail ma non vi tedierò incollandola qui) e mi dissero che un incaricato sarebbe passato entro la data x a portarmi il questionario. Anche io avrei dovuto segnalare il mio domicilio e bla bla bla e però non potevo compilarlo via internet ma solo cartaceo e bla bla bla.
Ovviamente non è passato nessuno e io me ne sono bellamente fregata.

Sono passati due anni… e settimana scorsa un incaricato comunale è passato a casa dei miei lasciando un biglietto che indicava la mia cancellazione dall'anagrafe se non chiamavo subito e mi facevo riconoscere e dare la residenza. Ho telefonato e OVVIAMENTE ho litigato con la tizia in questione, perché voleva cancellarmi ed era abbastanza incazzata perché io DOVREI PER LEGGE traferire la mia residenza dove c'è il mio domicilio. Io capisco che sarebbe opportuno (se non fose che nel palazzo sgangherato dove abito non mi arriva nemmeno la posta - magari racconterò in un altro momento perché) ma non si è mai sentito che sia un OBBLIGO.
Ho amici e conoscenti che da anni vivono in altre regioni e altre città e non hanno spostato la residenza… addirittura quei parassiti dei genitori di un mio ex pur vivendo a Milano da secoli, continuavano a tenere la residenza in Calabria (lui era originario di lì), così quando c'era da votare si facevano la settimanella di mare…

Vabeh… durante la telefonata ho detto chiaramente che non ho alcuna intenzione di spostare la mia residenza e ho fissato un appuntamento con questa signora antipaticissima e mi sono fatta trovare a casa dei miei, con tanto di documento di identità aggiornato, per farmi identificare e assegnare la residenza.

Ho anche pensato che se fossi stata cancellata dall'anagrafe non avrei più avuto alcun obbligo nei confronti dello Stato, ma allo stesso tempo non avrei più potuto godere dei pochi diritti di cui noi cittadini possiamo godere.
Mah…
Lunedì sera ho dormito dai miei e la mattina dopo sotto un bel diluvio miss nana manomorta è passata a casa dei miei e sono stata reinserita nell'anagrafe.
Ehhhhhhhhhh

10 commenti:

Simone ha detto...

Cavolo che figata, molto "pirandelliana" come cosa... risultare non-nati vuol dire che non paghi le tasse, non puoi andare in galera... io ci avrei fatto un pensierino! :)

Simone

Dama Arwen ha detto...

Sì ma non potrei nemmeno venire a farmi curare da te in ospedale!

Liv ha detto...

Anche a me è successa la stessa cosa!
ho la residenza ancora in casa di mia madre, ma logicamente da quando sono sposata ho il domicilio nella cosa con cui vivo con mio marito.
E anche a me hanno detto che ormai il domicilio non esiste più!deve coincidere con la residenza!che k@##ata!

Praticamente per il censimento io vivo ancora con mia mamma, anche se per il comune risulto sposata..chissà quando si accorgeranno di sta cosa!!

Ariano Geta ha detto...

Dice bene Simone, molto pirandelliana come situazione. E sicuramente molto italiana, ahimé. Comunque la burocrazia è sempre un incubo.

giardigno65 ha detto...

puoi farti cancellare anche le impronte digitale e facciamo una grande rapina al deposito d'oro della banca d'Italia !!!

Dama Arwen ha detto...

Grande Giardigno!
E se andassimo direttamente a Fort Nox? XD

@Livia: sì ma il fatto è che io il giorno dopo che mio padre ha spedito il censimento ho scritto all'ufficio informaizioni del censimento stesso e non mi hanno detto nulla a riguardo del fatto che residenza e domicilio devono coincidere!
E cmq Diego che per 5 anni è stato qui a Milano? O Marianna, che ha ancora la residenza giù? Ma che se ne vadano affanculo!

Marymiao ha detto...

Mah che domicilio e residenza debbano coincidere per obbligo mi sembra una cazzata, considerando che, mi pare di aver capito, la tipa ti ha reinserito con la residenza dai tuoi ancora, se non fosse stato legale come avrebbe potuto procedere? Se consideriamo poi che io ho la carta regionale dei servizi di Milano, pur non avendo la residenza qui... direi che legalmente forse qualcosa nella testa di sta tipa non funziona :P

Dama Arwen ha detto...

ma io la tipa l'ho tipo "minacciata" (al telefono) di nn rompermi i cojoni e darmi la residenza che volevo io.

Valeria Boffi ha detto...

Che teste di cazzo...a muerte tutti!

Valeria Boffi ha detto...

ps comunque gli apolidi hanno quasi più diritti di noi quindi io ci sto facendo un sacco di pensierini...