7.5.07

IV YAVINCON - 2007

La magia si è compiuta di nuovo. Come ogni anno.
Per me sono sempre i 4 giorni più belli e attesi dell'anno, forse anche tra i migliori della mia vita.
No, non sto esagerando. E leggendo il froum di Yavin4 mi sembra di non essere la sola a provare tali sensazioni.
Ancora non mi spiego come sia possibile che persone tanto eterogenee, per età, provenienza, professione, possano sentirsi come un'unica grande famiglia di amici.
SW è il fulcro di tutto questo, è ciò che ci ha fatti incontrare e conoscere; ma ciò che poi è nato tra di noi e che "rinasce" ogni anno è altro. E lo dobbiamo a noi stessi.
Ogni volta che torno a casa mi viene il magone.
Mi mancate tutti, mi mancate tanto.
Tornare alla quotidianetà è devastante... riscoprire che eiste la Tv, il traffico, l'indifferenza e la superficialità della gente è come un colpo al cuore.
Non sono così stupida da desiderare una vita intera "come una Yavincon" e tantomeno vivo "nel club o per il club di Y4". Tuttavia vorrei fosse possibile avere accanto gli amici della Con, persone dotate di sana follia e di sani ideali; dall'animo profondo, alle quali puoi parlare dei tuoi sogni, dei tuoi problemi e puoi condividere con complicità qualsiasi passione.
Purtroppo siamo sparsi un po' ovunque per l'Italia e questo non aiuta. Il gruppo delle Vipere Galattiche non è poi così magro, ma ogni giorno, ogni santo giorno, il mio pensiero è rivolto anche alle Alabarde Spaziali, ai Jo, ai JK e agli Ilquen e molti altri ancora (così almeno racchiudo un mucchio di persone a me care).
Forse può sembrare strano, in una città grande come Milano, non aver trovato nelle amicizie di una vita, qualcuno con cui avere tale complicità e tale legame. Eppure per me è così.
Alla Con non è mancato qualche momento difficile per me, a partire dai cosplay perduti in autostrada, e l'aver rivisto una persona con cui i rapporti erano tesi.
Eppure il sostegno non mi è mancato da parte di nessuno. Nè dai miei Amici, né da persone che da magari fanno parte della mia vita da poco, né da coloro che magari conosco già da un paio d'anni ma con cui ancora non si era creato un legame particolarmente profondo.
A tutti grazie.

Prima o poi inizierò a parlare dei miei sogni anche qui... magari quno di voi leggendo li riconoscerà come propri e potremo costruire qualcosa di bello.
Come mi ha detto un nuovo amico qualche giorno fa: i sogni non hanno prezzo, bisogna provare a realizzarli.
Datemi un sogno anche voi.

E condividiamo anche un po' di follia

4 commenti:

Erebel ha detto...

E' già una grandissima fortuna l'esserci incontrati...siamo fortunati davvero, noi! Bisogna crederci, e vivere felici, anche per questo. E i sogni non mollarli mai! :)
Un abbraccio
R.

Rabè ha detto...

Ahhh Faber che che balla sulla sedia!!!!

Perchè è durata così poco la YC????
Chiara

Ermenegildo Bengalossi ha detto...

Tutte le frasi sui sogni potrebbero sembrare fatte, facili da dire. Ma io una vita senza, proprio non la vedo. Il mio l'ho perso tempo addietro, dopo averci dedicato 10 anni e ora sono ancora alla ricerca di uno nuovo. Se tu sai qual'è il tuo, passo dopo passo, vai spedita verso la sua realizzazione. Tra gli amanti del fantastico ci sono tante persone che capiscono fin troppo bene che cosa vuol dire sognare e mai troverai persone che ti potranno sostenere di più, anche solo a parole! Vai Fra! Inizia a correre, noi ti siamo dietro con tanto di bottigliette d'acqua, spugne, asciugamani, gadgets etc etc eh eh eh eh. Un abbraccio forte.

leaf ha detto...

Aver trovato amiche come noi non è già un passo avanti???

Purtroppo non ci si può vedere tutti i giorni, ma l'affetto e gli interessi che ci legano sono forti!!!

Quel video... mi viene nostalgia!!!
Voglio tornare alla yavinCon!!!