24.1.13

LO HOBBT: 3a VISIONE IN LINGUA ORIGINALE



Martedì sera, il gruppetto di temerarie (Dama, Shmi, Mari e Rabé) si è ritrovata per andare al cinema a vedere lo Hobbit, in inglese. Mancava Giorgia, causa forza maggiore. Ed era forse una di quelle che tenevano di più alla visione.
NON c'erano i sottotitoli… a volte ci sono - in inglese - altre volte sono in italiano - a volte, come nel nostro caso, non ci sono proprio.
Che dire… la visione in OV secondo me merita sempre. Avevo già visto il film un paio di volte, e nemmeno troppo tempo fa. Quindi, in parte, ammetto di aver vissuto di "rendita" perché ricordandomi cosa succedeva e a grandi linee cosa si dicevano i personaggi mi aiutava. 
C'è stato qualche dialogo dove non ho capito un cavolo, più che altro perché non afferravo la pronuncia.
Thorin e Saruman erano per me i più difficili da capire. Thorin per la ponuncia, Saruman per la profondità del tono di voce.
Oppure erano scene con un gran fracasso di sottofondo. Nessuna difficoltà grammaticale, al massimo sporadici vocaboli sconosciuti. Nel complesso ho capito tra l'85 e il 90%.
C'erano altre scene in cui non mi accorgevo nemmeno che il film fosse in inglese, tutto suonava liscio lineare e assolutamente comprensibile. Altre volte, pur non sapendo come in inglese si dicesse una cosa, la capivo lo stesso (e parlo di quando NON me la ricordavo in italiano) come per esempio il "dalla padella alla brace" della parte finale.
Mi rendo conto però che pur avendo ascoltato per quasi tre ore è ancora difficile per me "memorizzare" la costruzione di alcune frasi, modi di dire ecc, perché è tutto un susseguirsi di dialoghi, senza poter mettere in pausa, riascoltare, scrivere, memorizzare.
Guardare i telefilm rigorosamente in inglese - con sottotitoli - a casa, mi aiuta. Se qualcosa non viene tradotto nel sottotitolo me ne accorgo, se qualcosa è tradotto sbagliato, me ne accorgo. Spero pian piano di migliorare.

5 commenti:

CyberLuke ha detto...

Lo ammetto, senza il supporto dei sottotitoli, anche in inglese, ho ancora grossi problemi ad afferrare i dialoghi di un qualsiasi film o telefilm in inglese.
E ammiro la tua scelta (e quella di altri) di "affrontare" la visione senza il supporto del doppiaggio.
Mi dice un po' meglio con lo spagnolo: un paio d'anni fa andai a vedere a Madrid X-Men: Primera Generaciòn, e scoprii che NON c'erano sottotitoli... ma riuscii a capire un buon 70% dei dialoghi. ;)

Chubbo Ropetti ha detto...

L'ho solo visto in italiano ed avrei preferito avere la fortuna di vederlo in inglese, non amo il doppiatore di Gandalf..

Curiosità.. Dove seia andata a vederlo?

Kitchan ha detto...

Che non ci fossero i sottotitoli lo abbiamo scoperto solo ad inizio visione ;)

Dama Arwen ha detto...

@Chubbo L'ho visto all'Arcobalneo di Viale Tunisia a Milano.
Ogni martedì propongono un film in lingua. Ma anche altri cinema propongono un determinato giorno la settimana un film in lingua.
A me cmq Proietti è piaciuto molto, anche se Gianni Musy era perfetto.

:Rabé: già… credo che Mari mi abbia odiata :-P

Marymiao ha detto...

Muahahha te ne pentirai muahah... No beh, alcune cose le ho capite anch'io però, un po' la stanchezza un po' che effettivamente seguire i sub anche in inglese mantiene alta l'attenzione, un po' l'orario... ad un certo punto ho sonnecchiato alla grande xD lo ammetto la lingua inglese mi concilia il sonno ihihi. Peccato sia crollata proprio nel pezzo che più avrei voluto vedere e cioè quello degli indovinelli... :( Ma tanto lo si recupera. Probabilmente son quella che ha capito meno, ma a mia discolpa devo dire che era solo la seconda volta che lo vedevo e beh non è che la prima fossi molto più sveglia di qcosì!!
Comunque guardare i film in lingua originale mi garba assai... Facciamo che la possima volta ci accertiamo dei sottotitoli ne??????!!!è_é
Però la domanda che mi sorge leggendo il post è: Perchè, damina, non mi chiami più marymiao???(domanda, tra l'altro, mooolto pertinente xD)